Idrovolante Edizioni al Convegno “Armi di distrazione di massa”

Idrovolante Edizioni al Convegno “Armi di distrazione di massa”

Sabato 22 febbraio 2020 saremo tra gli editori ospiti del convegno organizzato da “Il Cinabro Edizioni” dal titolo “Armi di distrazione di massa”.

Negli ultimi anni si è parlato tantissimo di fake news: i media mainstream (giornali, TV e radio) hanno teorizzato e diffuso globalmente l’idea che, tramite i nuovi media (social network e web), l’opinione pubblica è influenzata da informazioni ed eventi falsi. Queste fake news, secondo i monopolisti dell’informazione e gli opinion maker professionisti, avrebbero uno scopo ben preciso: alimentare l’intolleranza, propagandare idee allarmiste e infondate, favorire le idee conservatrici o non progressiste.
Convegni, campagne di sensibilizzazione, bombardamento mediatico e fin’anche siti ed enti ad hoc per il monitoraggio delle fake news: in questi anni la campagna “anti-bufale” ha raggiunto livelli di efficienza e visibilità supportate da finanziamenti enormi, strategie comunicative degne di un grande brand ed endorsement internazionali di primo piano. La domanda sorge spontanea: cui prodest? Siamo, cioè, davvero sicuri che l’unico fine di questa enorme campagna sia una disinteressata opera di verità e giustizia dell’informazione?

Il Cinabro con il Convegno in oggetto intende contribuire a quell’obiettivo di chiarezza dell’informazione che mal si concilia indagando sui reali scopi di molti dei soggetti propugnatori di questa campagna di pseudo-verità. Obiettivo sarà perciò quello di affrontare i grandi temi oggetto di manipolazione negli ultimi anni: ecologismo, famiglia, scuola, geopolitica.
Ecco dunque che l’ecologismo alla Greta Thunberg, l’attacco alla famiglia, la dissoluzione del sistema educativo e la presenza, sotto un profilo al contempo politico ed economico, di apparati globali ormai nemmeno troppo occulti, si rivelano come temi integrati tra loro e che dietro una campagna di vera e propria disinformazione, stanno probabilmente utilizzando il mantra delle fake news per nascondere al mondo ben altre verità inconfessabili.

Pubblicato il 16 Gen 2020