Il valore delle religioni

In diversi paesi del mondo il numero di chi si definisce non religioso è in aumento, il che lascia presagire un futuro incerto per la religione istituzionale. Le violenze e gli orrori causati o promossi dalla religione, gli scandali sessuali che coinvolgono leader religiosi e altri fattori meno evidenti spingono sempre più persone a chiudere i conti con il culto. Eppure, proprio mentre le credenze religiose sembrano sgretolarsi, non facciamo altro che parlare di una sorta di ritorno del «fondamentalismo» e di «scontro tra civiltà», specie quando ci si trova di fronte a fatti di cronaca nera eclatanti. Nella realtà, dunque, non si è mai parlato tanto di religione da quando questa, almeno nell’Europa occidentale, sembra aver perso l’ascendente che aveva un tempo. Proprio quell’Occidente che ha bisogno di chiedersi quale sia davvero il valore della religione.

“È possibile comprendere una credenza senza condividerla? Parlare di religione senza essere credenti non equivale in partenza a perdere di vista l’essenziale? Ma d’altronde, se si è credenti, come possiamo parlare di religione con obiettività?”

Pagine
105
Codice ISBN
9788899564070
Prezzo
 12,00  10,00
Acquista online
Aggiungi al carrello