Terre italiane

Carlo Cattaneo, padre del federalismo e figura di spicco del Risorgimento, affronta il tema dell’irredentismo in una raccolta di scritti dedicata ai territori per storia, cultura e tradizione italiani ma in mano straniera. Realizzati tra il 1860 e il 1862 e pubblicati in un libro nel 1920, i suoi testi sono rimasti pressoché sconosciuti fino ad ora nonostante la straordinaria attualità di due filoni che sono tutt’oggi argomento di dibattito: il ruolo della nazione e la sovranità territoriale.

“Rileggere le parole di Dante ‘Sì com’a Pola presso del Carnaro, ch’Italia chiude e i suoi termini bagna’ e oggi entrare in territorio straniero già da Capodistria, porta a una necessaria riflessione sugli errori compiuti dal nostro paese che hanno sancito, a cent’anni dalla pubblicazione di quest’opera, un considerevole arretramento del confine”.

dalla prefazione di Francesco Giubilei

Pagine
100
Codice ISBN
978-88-99564-35-3
Prezzo
 12,00  9,00
Acquista online
Aggiungi al carrello